circ. n.20

Circolare N. 20 – Sostituzione docenti assenti

Indicazioni sulla procedura che dovrà essere seguita in caso di assenza dei docenti dal servizio

Oggetto: Sostituzioni docenti assenti
Si comunica di seguito la procedura che dovrà essere seguita in caso di assenza dei docenti dal servizio.

Premesso che:
Secondo il Codice Civile, art. 2048, l’autorità dei genitori, quindi l’esercizio dei poteri di educazione e di
sorveglianza a tutela del minore, si trasferisce alla scuola – cioè a tutti gli addetti al servizio scolastico – per il
tempo in cui gli allievi ad essa sono affidati. L’obbligo di sorveglianza perdura, senza soluzione di
continuità, dal momento in cui ha avuto inizio l’affidamento dello studente alla scuola fino a quando il
minore, riconsegnato ai genitori o lasciato in un luogo dove, secondo la normativa, non sussistono
situazioni di pericolo, ritorna alla sorveglianza parentale (Cass. – SS.UU. -05.09.1986, N. 5424).
Ne deriva la necessità che:
la dirigente scolastica disponga le necessarie sostituzioni dei docenti eventualmente assenti e, comunque,
assegni lasorveglianza degli allievi al personale presente a scuola, ciò tramite:
a) la presente circolare, che assume valore di direttiva e definisce le procedure generali;
b) il piano delle sostituzioni giornaliere approntato dai docenti collaboratori del DS e dai docenti Responsabili diPlesso.
Pertanto si rende necessario che:


1. Ogni docente formuli tempestivamente su registro elettronico la richiesta di assenza all’Ufficio
Personale, che fornirà tutte le informazioni necessarie; in caso di assenza è opportuno avvisare il
giorno prima o in caso di urgenza telefonare entro le ore 7.45 alla Segreteria dell’I.C. e avvisare il
responsabile di plesso incaricato delle sostituzioni;
2. Ogni collaboratore scolastico segnali tempestivamente al Dirigente e/o al responsabile di plesso
eventuali assenze dei docenti, esercitando provvisoriamente la sorveglianza sugli allievi;
3. Docenti e collaboratori scolastici diano seguito tempestivamente alle disposizioni organizzative del
dirigente e/o dei docenti Collaboratori del DS o Responsabile di plesso- come le sostituzioni dei
docenti assenti – anche quando, nelle more della definizione del piano giornaliero delle
sostituzioni, vengano comunicate verbalmente dal Dirigente o dal delegato stesso (responsabile
o collaboratore).
4. E’ infatti intuitivo che il diritto del minore ad essere tutelato mediante sorveglianza dell’adulto
ha la priorità su qualsiasi esigenza burocratica o amministrativa, nelle more, appunto, come
sopra indicato,della definizione del piano giornaliero delle sostituzioni, che assume validità di
ordine dì servizio.
SOSTITUZIONI DOCENTI
Le docenti Collaboratrici del DS e i responsabili di ciascun plesso sono delegati dalla Dirigente
scolastica alla definizione del piano giornaliero delle sostituzioni dei docenti assenti ed alla
predisposizione degli atti relativi. Questi saranno coadiuvati dal personale collaboratore scolastico di
ciascun plesso.
PROCEDURA di SOSTITUZIONE DOCENTE ASSENTE , IN ORDINE DI PRIORITÀ’
Si procederà con l’affidamento della classe/sezione a docenti, seguendo il seguente ordine prioritario:
1. docenti a disposizione della stessa sezione/classe o di altra sezione/classe;
2. docenti con ore da recuperare per permessi brevi fruiti;
3. docenti la cui cattedra o posto comprenda ore di eccedenza l’attività frontale (negli anni
precedenti indicatecome ore di potenziamento, compresenza/contemporaneità) salvaguardando
il più possibile la progettualità della scuola e tuttavia dando assoluta priorità agli obblighi di
vigilanza;
4. docenti liberi per assenza della classe/sezione (es. uscita didattica);
5. docenti di sostegno il cui alunno è assente (prioritariamente nella propria classe,
secondariamente in altre classi);
6. docenti disponibili alla flessibilità orario mediante rimodulazione dell’orario del docente e della
sezione/classe; cambio turno (infanzia e primaria);
7. docenti che hanno espresso disponibilità ad effettuare ore eccedenti o, se non disponibili
sempre, eventualmente disponibili in giorni specifici;
8. nell’impossibilità di procedere secondo i precedenti punti, o alla nomina di personale a T.D.,
considerato chegli alunni non possono restare in aula senza vigilanza, gli stessi saranno assegnati
alle altre classi (secondo una dettagliata pianificazione di plesso).
PROCEDURE OPERATIVE PER I DELEGATI
Come già evidenziato, di seguito vengono descritte le procedure operative per i delegati:
1. il piano delle sostituzioni dovrà essere redatto a cura dei Responsabili di plesso, preparato in
anticipo (se possibile) e deve essere sempre disponibile in postazione ingresso scuola o altro
luogo comunicato dal Responsabile di plesso
2. se il piano delle sostituzioni non è redatto in anticipo (ma tempestivamente, a causa di assenze
non programmate – malattia), il responsabile di plesso avverte i docenti sostituti designati;
3. i docenti che hanno ore a disposizione e/o ore eccedenti l’attività frontale o che devono
recuperare permessi brevi sono tenuti a verificare gli impegni giornalieri nel piano delle
sostituzioni.
Si precisa che la procedura sopra descritta ha validità di disposizione di servizio.
PROCEDURA di aggregazione delle classi
Qualora non si sia potuto provvedere ad un piano di sostituzioni (secondo i criteri di cui sopra a
causa diindisponibilità di sostituzioni), o a nomina di personale a T.D., si procederà ad aggregare le classi.
In caso di aggregazione di alunni provenienti da altre classi, i collaboratori scolastici su istruzione del
responsabiledel plesso:
1. provvedono, eventualmente, a un cambio di aule per le classi oggetto di accorpamento
(utilizzando anche,se necessario per motivi di capienza delle aule, aule di maggiori dimensioni);
2. accompagnano gli studenti nelle classi, provvedendo alla loro distribuzione in modo equo ed
ordinato;
3. vigilano al termine dell’ora affinché gli studenti ritornino nell’aula assegnata per la regolare
lezione successiva.
Il collaboratore di piano, vigilerà temporaneamente sul gruppo classe durante gli spostamenti
degli alunni. In caso di aggregazione dì alunni provenienti da altre classi, i docenti;
1. registrano i nomi degli allievi sul registro di classe;
2. assegnano agli allievi una postazione (sedia, sgabello) e li invitano a seguire la lezione o studiare
autonomamente.
Si precisa che la procedura sopra descritta ha valore di disposizione di servizio.
Sulla base di quanto sopra ricordato, pur nella consapevolezza del disagio che disposizioni organizzative
come le sostituzioni o gli accorpamenti di classi possono comportare, si ritiene di poter contare sul senso
di responsabilità dei/delle docenti e di conseguenza sul fatto che essi accetteranno l’eventuale
sostituzione di colleghi assenti, senza obiezioni immediate al personale che la comunica e non ne ha la
responsabilità.
Tale comunicazione è da considerarsi alla stregua di un ordine di servizio impartito nell’interesse dei
minori; essa ha valore permanente fino a rettifica o a variazione della normativa vigente.
Qualora si verifichi la contestuale assenza sia della Dirigente, sia dei Collaboratori, sia dei Responsabili di
plesso, per garantire in primo luogo la vigilanza, spetterà ai docenti del plesso presenti, congiuntamente
ai Collaboratori scolastici, adoperarsi affinché gli alunni della classe scoperta siano vigilati in ogni modo.
Solo in casi eccezionali e di estrema necessità, gli alunni della classe scoperta possono essere vigilati dai
Collaboratori scolastici fino all’arrivo di un docente, su indicazione della Dirigente o dal Responsabile
delegato. Infatti, i collaboratori scolastici, ordinariamente e secondo le norme contrattuali possono
vigilare gli alunni negli spazi comuni, al cambio dell’ora e per urgenti esigenze dei docenti.
In nessun caso potrà essere consentito che gli alunni restino, anche per brevi momenti, senza vigilanza
del personale interno.
Infine si precisa che le decisioni assunte dai Collaboratori del DS e/o dai Responsabili di Plesso in ordine
alle sostituzioni devono essere messe per iscritto e formalizzate nel registro delle sostituzioni e assunte
dai docenti comeordini di servizio.
Si confida nella piena collaborazione di tutti.

La Dirigente Scolastica
Prof.ssa Maria Elena Carbone
Firma autografa sostituita a mezzo di
stampa ex art. 3 c. 2 del D.lgs. 39

Documenti